I tre giovani che hanno insultato su Facebook l’operato di Falcone e Borsellino adesso rischiano di essere processati

Il pubblico ministero di Palermo Geri Ferrara ha, infatti, chiuso le indagini nei confronti dei fratelli Alessandra e Salvatore Fornaro e Andrea Gaido che sul social network avevano creato il gruppo ‘ Falcone e Borsellino falsi eroi, morti per sete di fama’ all’interno del quale hanno commentato con insulti e valutazioni negative l’attività antimafia portata avanti fino alla morte dai due magistrati palermitani. I reati ipotizzati nei confronti dei tre ragazzi sono di istigazione a delinquere e diffamazione aggravata.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*