L’ex capo dei Mazzarroti, Carmelo Bisognano, in aula per il secondo grado del processo “Sistema”

In primo grado erano state emesse le condanne a dieci anni e otto mesi per il boss Carmelo D’Amico, ritenuto uno dei reggenti della famiglia mafiosa dei barcellonesi, e a sette anni e dieci mesi di reclusione per Bisognano nell’ambito del sistema di tangenti ed estorsioni nella zona tirrenica della provincia. L’udienza è stata subito aggiornata al 19 settembre. Bisognano, che da qualche mese sta collaborando con la giustizia, ha preso la parola per annunciare la revoca del suo legale e la nomina, oltre che di Maria Rita Cicero, anche dell’avvocato Fabio Repici.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*