Per la Procura la morte di Fabio Bonaccorso, avvenuta in seguito ad un incidente stradale nell’aprile 2010, sarebbe ricollegata ad una cattiva manutenzione della strada

20 aprile 2011

Il sostituto procuratore, Adriana Sciglio ha inviato quattro avvisi di chiusura delle indagini per la morte del ventinovenne Bonaccorso. Secondo gli inquirenti, infatti, la causa dell’incidente sarebbe riconducibile alla presenza di un tombino e di un avvallamento di cinque metri dell’asfalto lungo il viale Regina Elena, dove il ragazzo in sella alla sua moto, perse il controllo del mezzo. Indagati per omicidio colposo gli ingegneri Mario Pizzino, responsabile del dipartimento Manuntenzione strade del Comune di Messina e Costanzo Chiattilla dirigente dello stesso dipartimento. Ipotizzato, invece, il reato di omissione per Antonino Giannetto e Santino Bartolotta, responsabili dell’impresa che aveva in appalto il servizio di manutenzione.