Estorsioni aggravate dal metodo mafioso, emesse tre ordinanze di custodia cautelare

6 aprile 2011

Operazione Sistema 2: questo il nome dell’indagine condotta dalla Polizia e coordinata dalla Dda di Messina in merito a estorsioni a imprenditori vincitori di appalti nella zona tirrenica della provincia nel 2007 e nel 2008. Notificati in carcere, dove si trovano attualmente detenuti per altri reati, tre ordini di custodia cautelare a Carmelo D’Amico, Tindaro Calabrese e Giuseppe Alfio Castro. D’Amico e Calabrese esponenti del clan barcellonese e Castro, affiliato alla cosca di Nitto Santapaola, avrebbero estorto agli imprenditori di tre aziende, tramite fatture gonfiate, quasi 100mila euro.