‘La stretta dei conti del governo nella manovra finanziaria era indispensabile ma non possono pagare soltanto dipendenti pubblici e pensionati’

7 giugno 2010

E’ quanto dichiarato durante il direttivo della Uil Messina dal segretario provinciale Costantino Amato, che ha commentato la manovra esitata dal governo Berlusconi, rapportandola alla realtà messinese. “Lo scenario rischia di diventare apocalittico – afferma Amato -, la crisi sta letteralmente schiacciando il nostro territorio, afflitto da un numero sempre crescente di disoccupati, cassintegrati, il doppio rispetto allo scorso anno. E’ necessario – conclude – un forte patto sociale per lo sviluppo e l’occupazione, a Roma, come a Palermo, come a Messina. Un patto che veda in prima linea la politica, sino ad oggi assente nel dare risposte certe e concrete ai bisogni della città”.