Secondo uno studio di Bankitalia sul divario economico fra meridione e settentrione italiano, il Pil del Nord è del 60% superiore a quello del Sud.

Inoltre durante la presentazione del rapporto “Mezzogiorno e politiche regionali” che si è tenuta a Palermo, è emerso che nel secondo trimestre del 2009 l’occupazione nel Mezzogiorno è diminuita del 4,1% rispetto all’anno precedente. Spiacevole anche la situazione delle retribuzioni, in quanto un impiegato del Sud guadagna fra l’8 ed il 9% in meno rispetto ad un collega del Nord Italia. A questo divario i giovani rispondono con la migrazione. Ogni anno circa 120 mila giovani di età compresa fra i 25 ed i 34 anni, anche con elevati livelli di scolarizzazione, si spostano verso le regioni settentrionali.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*