Prosciolto il dirigente dell’Atm dalle accuse di frode, abuso d’ufficio e mancanza di autorizzazione per l’uso improprio di un autobus

Claudio Conte aveva, infatti, concesso ad un dipendente dell’Atm di recarsi al proprio matrimonio con un bus dell’azienda con al seguito tutti gli invitati. La singolare trovata dell’autista di mezzi aveva fatto aprire un fascicolo nei confronti del dirigente Atm. Il Gup Antonino Genovese ha disposto il non doversi procedere per tutte le ipotesi di accusa perchè il fatto non sussiste e perché il fatto non costituisce reato.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*