I sindacati e le associazioni hanno risposto alla lettera diffusa nei giorni scorsi da Francesco Tomasello sui tagli ai ricercatori.

1 febbraio 2010

Nella sua nota, il rettore dell’Università di Messina difendeva il provvedimento, adottato lo scorso dicembre dal Senato accademico e dal Consiglio d’amministrazione. Il taglio è rivolto ai ricercatori con 40 anni di contributi. Tomasello ha spiegato che il provvedimento è stato preso per garantire il ricambio generazionale e per tutelare l’interesse pubblico. Secondo i sindacati e le associazioni, per garantire il turn over generazionale non bisognerebbe ricorrere al prepensionamento forzato, ma bisognerebbe piuttosto sincronizzare il ritmo dei concorsi e quello dei pensionamenti.