Nuovo stato d’agitazione per i 180 lavoratori di NebrodiAmbiente: per loro ancora niente stipendio

I dipendenti della società consortile che si occupa dei servizi ecologici per i 33 comuni nebroidei coperti da Ato Messina 1 sono in stato di agitazione. Lo ha annunciato il loro portavoce, Mario Giuffrè, parlando di inadempienze nel pagamento degli stipendi che si protraggono dal mese di agosto, e minacciando la completa interruzione della raccolta dei rifiuti. Il pericolo di una nuova emergenza igienica si manifesta, contraddittoriamente, dopo il versamento da parte di Ato Messina 1, nelle casse di NebrodiAmbiente, di 5 milioni e 700 mila euro di fondi regionali; e dopo l’annuncio della nuova raccolta differenziata porta a porta, reso obbligatorio dall’Unione Europea.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*