La Procura di Barcellona apre un’inchiesta in seguito alla morte per asfissia di un disabile

11 settembre 2009

Un corto circuito, un incendio, una coltre di fumo che dalla cappa della cucina invade casa, e più nulla da fare. Sembra esser morto così, per un caso e senza poter chiedere aiuto, perchè paralitico e muto, Vincenzo Santoro, 39 anni, rimasto solo nella sua abitazione di Barcellona, in frazione Calderà, mentre i genitori ed il fratello assistevano ad una funzione religiosa serale. L’autopsia sul corpo dell’uomo, trovato integro dai vigili del fuoco dopo lo spegnimento delle fiamme, ne chiarirà le cause del decesso, nell’ambito dell’inchiesta subito aperta in merito dalla procura del Longano.